The playground

More information here

Prova QA

Il significato della parola Ad-hoc è qualcosa che non è in ordine o non è organizzato o non strutturato. Nella nota simile il test ad hoc non è altro che un tipo di test della scatola nera o test comportamentali. Il test ad hoc viene eseguito senza seguire alcun processo formale come documenti di requisito, […]

Il significato della parola Ad-hoc è qualcosa che non è in ordine o non è organizzato o non strutturato. Nella nota simile il test ad hoc non è altro che un tipo di test della scatola nera o test comportamentali.

Il test ad hoc viene eseguito senza seguire alcun processo formale come documenti di requisito, piano di test, casi di test, ecc. Allo stesso modo durante l’esecuzione del test ad hoc NON esiste un processo formale di test che possa essere documentato.

Test ad-hoc di solito è fatto per scoprire i problemi o difetti che non possono essere trovati seguendo il processo formale.

I tester che eseguono questo test dovrebbero avere una conoscenza molto buona e approfondita del prodotto o dell’applicazione.

Quando i tester eseguono test ad hoc intendono solo rompere il sistema senza seguire alcun processo o senza avere in mente alcun caso d’uso particolare.

Caratteristiche del test ad hoc

  1. Il test ad hoc viene eseguito dopo il completamento del test formale sull’applicazione o sul prodotto.
  2. Questo test viene eseguito con l’obiettivo di rompere l’applicazione senza seguire alcun processo.
  3. I tester che eseguono il test ad hoc devono avere una conoscenza approfondita del prodotto.
  4. I bug trovati durante i test ad hoc espongono le scappatoie del processo di test seguito.
  5. Il test ad-hoc può essere eseguito solo una volta fino a quando e a meno che non venga trovato un difetto che richiede un nuovo test.

Quando è possibile eseguire test ad hoc?

Ora, la domanda che potrebbe venire in mente è quando dovremmo fare test ad-hoc?

Per rispondere a questo posso dire che il test ad hoc può essere fatto in qualsiasi momento, sia che si tratti di inizio, metà o fine del test del progetto. Questo può essere fatto solo quando i tester hanno una conoscenza completa del prodotto. Questo test può essere eseguito anche quando il tempo è molto limitato e sono necessari test dettagliati.

Quando NON è necessario eseguire test ad hoc?

La decisione di quando non eseguire il test ad hoc può essere presa dal tester esperto e qualificato. Anche se ci sono pochi casi in cui non dovrebbero essere eseguiti test ad hoc:

  • Il test ad-hoc non è richiesto quando esiste già un bug per il test case. In questi casi il bug dovrebbe essere segnalato e dovrebbe essere nuovamente testato una volta risolto.
  • I test ad hoc NON devono essere eseguiti durante il Beta testing del software da parte dei clienti o dei clienti.

Quali sono i tipi di test ad-hoc?

Fondamentalmente ci sono tre tipi di test ad-hoc. Sono:

– Buddy testing: Questo tipo di test viene eseguito dallo sviluppatore e dal tester che sono responsabili di quella particolare consegna del modulo. In questo tipo di test, lo sviluppatore e il tester si siederanno insieme e lavoreranno su quel particolare modulo per evitare di costruire scenari non validi che aiutano anche il tester a segnalare i difetti non validi.

-Test di coppia: in questo tipo di test due tester lavorano insieme su un modulo. Fondamentalmente dividono gli scenari di test tra di loro. Lo scopo di questo tipo di test è quello di elaborare scenari di test massimi in modo che l’intero modulo debba avere una copertura completa del test. Post test dell’intero modulo insieme possono anche documentare i loro scenari di test e osservazioni.

–Monkey testing: In questo tipo di test vengono eseguiti alcuni test casuali con alcuni dati casuali con l’obiettivo di rompere il sistema. Questo test ci aiuta a scoprire alcuni nuovi bug che potrebbero non essere catturati prima.

Vantaggi o vantaggi dei test Ad-hoc:

Di seguito sono riportati alcuni dei vantaggi o benefici relativi ai test Ad-hoc:

  1. Test ad-hoc dà la libertà al tester di applicare i propri nuovi modi di testare l’applicazione che li aiuta a scoprire più numero di difetti rispetto al processo di test formale.
  2. Questo tipo di test può essere fatto in qualsiasi momento ovunque nel ciclo di vita di sviluppo software (SDLC) senza seguire alcun processo formale.
  3. Questo tipo di test non è solo limitato al team di test, ma questo può anche essere fatto dallo sviluppatore mentre sviluppa il loro modulo che li aiuta a codificare in modo migliore.
  4. Il test ad hoc si rivela molto utile quando c’è meno tempo e sono necessari test approfonditi della funzionalità. Questo aiuta a fornire la funzione con qualità e in tempo.
  5. Test ad-hoc possono essere eseguiti contemporaneamente con gli altri tipi di test che aiuta a trovare più bug in minor tempo.
  6. In questo tipo di test la documentazione non è necessaria, il che aiuta il tester a eseguire test mirati della funzionalità o dell’applicazione senza preoccuparsi della documentazione formale.

Svantaggi dei test ad hoc:

  1. Poiché i test ad hoc vengono eseguiti senza alcuna pianificazione e in modo non strutturato, la ricreazione di bug a volte diventa un grosso problema.
  2. Gli scenari di test eseguiti durante i test ad hoc non sono documentati, quindi il tester deve tenere a mente tutti gli scenari che potrebbe non essere in grado di ricordare in futuro.
  3. Il test ad hoc dipende molto dal tester esperto che ha una conoscenza approfondita del prodotto che non può essere fatto da nessun nuovo falegname del team.

Best practice durante l’esecuzione di test ad-hoc:

Se il test ad hoc non viene eseguito nel modo corretto, può comportare una perdita totale di tempo e fatica. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti da tenere a mente come dove e come applicare questo test ad-hoc:

  1. Buona conoscenza del prodotto:

    Il tester che eseguirà il test ad-hoc dovrebbe avere un’ottima conoscenza del prodotto. Dovrebbe essere molto ben consapevole di tutte le caratteristiche del prodotto. Questo aiuta il tester in errore indovinare e trovare il numero massimo di bug dalle aree soggette a difetti.

  2. Funzione di priorità:

    Quando è necessario eseguire test ad hoc per le funzionalità multiple, i tester devono prima classificare e dare priorità alle funzionalità. Caratteristiche che sono altamente utilizzati dai clienti dovrebbero essere testati prima in modo che se esiste un bug di priorità nella funzione può essere segnalato e risolto in anticipo.

  3. Pianificazione approssimativa:

    Sebbene non sia necessaria alcuna documentazione nei test ad hoc come affermato in precedenza, ma annotare i puntatori da testare durante questo test aiuterà il tester a ricordare tutte le possibili aree per il test. Questo aiuta ad avere la massima copertura di prova in minor tempo.

  4. Uso degli strumenti:

    A volte durante i test si trovano bug o eccezioni nei log che non sono visibili nell’interfaccia utente o che non ostacolano il test in alcun modo. Questo tipo di bug può anche essere di elevata gravità. Per catturare questo tipo di bug o eccezioni, è necessario utilizzare strumenti come debugger, profiler o monitor di attività.

  5. Documentazione delle osservazioni:

    Anche se il test ad hoc non supporta la documentazione, è sempre meglio scrivere una nota in breve sui test, i risultati, le deviazioni. Se vengono rilevati difetti, è necessario creare il caso di test pertinente in modo che possa aiutare il tester a ripetere il test dello scenario in futuro.

Altri articoli popolari:

  • Cos’è il test di regressione nel software?
  • Che cos’è la convalida nei test del software? o che cos’è la convalida del software?
  • Monkey testing-Esempi, differenze, Strumenti, Come fare, vantaggi, svantaggi, tipi
  • Cos’è il test dei componenti?
  • Che cosa è ripetere il test? Quando usarlo? Vantaggi e svantaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.