The playground

More information here

In uscita FCC Sedia Ajit Pai lodato da Orgs industria, sbattuto come ‘disastroso’dai critici

Trump-nominato FCC Presidente Ajit Pai, che ha detto Lunedi che lascerà la commissione il gen. 20, lascia dietro di sé un’eredità controversa: è considerato un agente di cambiamento esemplare o un ideologo che ha perso gli interessi dei consumatori per quelli commerciali. Per cavo, telecomunicazioni e società di elettronica di consumo, Pai è stato un […]

Trump-nominato FCC Presidente Ajit Pai, che ha detto Lunedi che lascerà la commissione il gen. 20, lascia dietro di sé un’eredità controversa: è considerato un agente di cambiamento esemplare o un ideologo che ha perso gli interessi dei consumatori per quelli commerciali.

Per cavo, telecomunicazioni e società di elettronica di consumo, Pai è stato un modello di trasparenza e un campione di libero mercato che ha tagliato via regolamenti obsoleti e gettato le basi per l’espansione della banda larga a milioni di americani.

Per i critici, i quattro anni di Pai in cima alla FCC hanno segnato un fallimento nel sostenere il mandato dell’agenzia. Difesa dei consumatori dicono Pai non solo infame è abrogato l’agenzia regole di neutralità della rete — in presenza di un ampio sostegno pubblico per i regolamenti di blocco provider di servizi internet da discriminante per come trattano il traffico dai fornitori di contenuti, ma anche lui non è riuscito a colmare il “digital divide” che esiste negli stati UNITI

la Free Press, che un consumatore-gruppo di advocacy, saltare Pai comunicato in cui annuncia la sua partenza come un auto-congratulazioni fine al suo disastroso FCC eseguire.”

“L’intera premessa della presidenza fallita di Pai è una bugia: afferma che la sua radicale agenda di deregolamentazione ha stimolato i miglioramenti della banda larga e ha chiuso il divario digitale. Nessuna di queste affermazioni è lontanamente vera”, ha affermato Matt Wood, Free Press VP of policy e General counsel.

Secondo Free Press, quasi 80 milioni di americani non hanno ancora accesso a “banda larga adeguata” a casa, con comunità di colore colpite in modo sproporzionato. ” Quel divario digitale spalancato rimane, e Pai non ha fatto nulla per chiuderlo, anche durante la pandemia in corso che ha reso le connessioni Internet essenziali molto più vitali”, ha detto Wood.

Josh Stager, senior counsel del progressive think tank Open Technology Institute, ha anche criticato la presidenza di Pai alla FCC come un “disastro, in particolare per Internet aperto”, sostenendo che l’agenzia “ha completamente abdicato all’autorità di supervisionare i fornitori di banda larga.”

” C’è una missione di base per la protezione dei consumatori che ogni presidente della FCC ha, e il presidente Pai non è assolutamente riuscito a farlo”, ha detto Stager. “È l’anno passato durante la pandemia che porta il suo lavoro in netto sollievo. Ha dormito al volante. Internet è diventato centrale nella vita sociale e aziendale — e non abbiamo visto praticamente nulla da questa FCC per affrontarlo, nonostante i comunicati stampa senza fiato.”

In netto contrasto con i critici di Pai sono elogi per il presidente uscente dalle organizzazioni di categoria del settore. Alcuni estratti:

  • Cable trade group NCTA presidente / CEO Michael Powell: “Lodiamo il presidente Pai per la sua eccezionale gestione della Federal Communications Commission. Ha impostato una visione chiara per il suo mandato e l’industria e l’ha perseguita con scopo, trasparenza, rigore accademico e coraggio… La sua forte leadership alla FCC durante un periodo di rapida evoluzione delle tecnologie di comunicazione ha assicurato che l’America rimanesse un leader globale di Internet, comunicazioni e intrattenimento.”
  • Broadcasting industry trade group NAB presidente / CEO Gordon Smith: “Il presidente Pai è stato un campione di trasmissioni gratuite e locali da quando è entrato a far parte della FCC. Il suo approccio equo e ponderato alla regolamentazione ha portato a molte riforme di buon senso che erano attese da tempo.”
  • Consumer Technology Association presidente / CEO Gary Shapiro: “Presidente Pai è un sostenitore per l’innovazione, e lo ringraziamo per la sua forte leadership alla guida della FCC. Attraverso il suo impegno a colmare il divario digitale-dall’avanzamento della distribuzione 5G alla fornitura di accesso agli spazi bianchi — gli americani hanno un maggiore accesso alla banda larga, specialmente nelle comunità rurali e sottoservite.”
  • Presidente / CEO di USTelecom Jonathan Spalter: “Durante il suo mandato, e mai più che durante questi giorni difficili della pandemia, il presidente Pai ha dato la priorità a colmare il divario digitale e collegare tutti gli americani in tutto il mondo alle reti di comunicazione del 21 ° secolo.”

Pai è dovuto lode per le riforme dei processi a lungo attesa presso la FCC, ha detto Berin Szóka, presidente e fondatore del think tank TechFreedom. “La Pai FCC è la FCC più trasparente che abbiamo mai avuto. Merita molto credito per aver cambiato la cultura dell’agenzia”, ha detto.

Sotto Pai, la FCC ha anche sbloccato una grande quantità di spettro wireless per i nuovi servizi a banda larga. La commissione ha organizzato cinque aste per lo spettro radio e due aste per la banda larga rurale e ha anche aperto 1.245 megahertz di spettro a banda media per l’uso senza licenza. Inoltre, la FCC ha spinto a bloccare robocall illegali e designato 988 come numero a tre cifre per la National Suicide Prevention Lifeline.

Il più grande fallimento di Pai, secondo Szóka, è stato che il presidente della FCC non ha nemmeno cercato di incoraggiare il Congresso ad approvare una legislazione per risolvere la lotta alla neutralità della rete. ” Tutti sanno che il prossimo presidente lo invertirà”, ha detto Szóka. Con il presidente eletto Joe Biden che entrerà in carica a gennaio, il commissario democratico Jessica Rosenworcel è il candidato principale per succedere a Pai come presidente della FCC. Si prevede che una commissione controllata dai democratici ripristini le regole di neutralità della rete della FCC.

“Se pensi davvero che la neutralità della rete sia in pericolo oggi senza le regole FCC, l’unico modo per garantire che il problema non si ripresenti nelle future amministrazioni GOP è attraverso una forma vincolante di legislazione”, ha detto Szóka. “Fino ad allora non possiamo avere una discussione significativa su qualsiasi altro problema di telecomunicazioni.”Ciò include come finanziare la banda larga universale andando avanti. Attualmente, il fondo per il servizio universale degli Stati Uniti “è il modo più regressivo per finanziare le telecomunicazioni di sempre”, ha detto Szóka.

In qualità di presidente, Pai ha goduto di un solido sostegno del settore per le sue mosse di deregolamentazione. In particolare, i fornitori di banda larga hanno sostenuto il rollback della FCC dell’ordine Open Internet dell’agenzia 2015, che ha riclassificato il servizio Internet come utility del titolo II (simile al servizio telefonico). L’ordine dell’era di Obama si basava sul Titolo II per giustificare l’autorità della FCC di regolamentare Internet, ma potenzialmente lasciava la porta aperta all’agenzia per emanare regolamenti di più ampia portata, inclusi i controlli dei prezzi, nonostante la formulazione nell’ordine promettesse che le future commissioni non lo farebbero.

Gli ISP si sono lamentati di dover affrontare l’incertezza normativa con la banda larga classificata come servizio del titolo II e hanno affermato di aver ridotto il loro incentivo a costruire reti a banda larga.

Ma nel corso degli ultimi quattro anni, l’aumento della velocità a banda larga e la copertura sono stati per lo più legati ai piani buildout ISP realizzati durante l’amministrazione Obama, Free Press’ legno conteso. In particolare, il 92% delle implementazioni in fibra Pai-era proveniva da progetti annunciati durante il 2015-16. Inoltre, Wood ha detto, i prezzi della banda larga sono in aumento, in parte a causa di decisioni Pai come la sua approvazione dell’acquisizione di Sprint da parte di T-Mobile-un accordo opposto da diversi procuratori generali dello stato come ridurre la concorrenza e la scelta dei consumatori.

Quello che succede dopo alla FCC è nell’aria. Insieme a Pai, il commissario repubblicano Michael O’Rielly sta uscendo dalla FCC alla fine del 2020 perché Trump ha rifiutato di nominarlo per un altro mandato dopo che O’Rielly ha espresso dubbi sulla legalità dell’ordine del presidente che indirizza la FCC ad esplorare come interpretare la Sezione 230 per regolare le società di social media. Pai, meno di un mese prima delle elezioni, ha aperto un procedimento normativo sulla Sezione 230 in conformità con le condanne di Trump per quello che i critici hanno detto spinge la FCC oltre la portata della sua autorità. In tal caso,” Pai ha permesso all’agenzia di essere politicizzata”, ha detto Stager di O.

Trump ha nominato Nathan Simington, precedentemente consigliere senior presso la National Telecommunications and Information Administration, per sostituire O’Rielly. Se il Senato conferma Simington (che è incerto, dicono gli osservatori) che potrebbe bloccare la FCC a 2-2. Se ciò accade, il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell potrebbe spostarsi per bloccare un incaricato di Biden alla FCC al fine di ostacolare l’agenda della Casa Bianca in arrivo.

Anche una volta che i democratici hanno la maggioranza alla FCC, ci vorrebbe circa un anno per ripristinare l’ordine di neutralità della rete 2015, secondo Szóka. In ogni caso, la questione rimarrà un calcio politico; GOP Sen. Ted Cruz, per esempio, una volta chiamato neutralità della rete “Obamacare per Internet.”

” Se ottieni un generatore di consenso , questo sforzo ha molte più possibilità di successo”, ha detto Szóka. “Se i repubblicani pensano di poter soffiare via i democratici perché credono di poter prendere posti a metà mandato, non funzionerà.”

Nella foto sopra: Il presidente della FCC Ajit Pai testimonia durante un’audizione del comitato per il commercio, la scienza e i trasporti del Senato il 24 giugno 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.