The playground

More information here

Chiarire il programma di disabilità di sicurezza sociale

I benefici di disabilità di sicurezza sociale sono spesso la rete di sicurezza finale per le persone che soffrono di menomazioni mediche, come la spondilite anchilosante, che rendono impossibile per loro di lavorare. Per la maggior parte, lottando attraverso la burocrazia della Social Security Administration (SSA) è frustrante, confuso e lento. Questo articolo spiegherà e […]

I benefici di disabilità di sicurezza sociale sono spesso la rete di sicurezza finale per le persone che soffrono di menomazioni mediche, come la spondilite anchilosante, che rendono impossibile per loro di lavorare. Per la maggior parte, lottando attraverso la burocrazia della Social Security Administration (SSA) è frustrante, confuso e lento. Questo articolo spiegherà e semplificherà il programma di disabilità di sicurezza sociale e come si applica generalmente ai reclami relativi alla spondiloartrite (indicato come spondiloartropatia dalla US Social Security Administration).

Spondilite Association of America (SAA): Quali sono i benefici di invalidità di sicurezza sociale?

Richard I. Feingold (RF): Social Security Invalidity Insurance Benefits e Supplemental Security Income invalidity benefits sono i due programmi di prestazioni di invalidità amministrati dalla US Social Security Administration. Questi programmi di beneficio forniscono prestazioni mensili e assicurazione sanitaria a coloro che si qualificano. Ci sono requisiti medici e non medici di questi programmi.

SAA: in che modo un richiedente dimostra di essere disabilitato?

RF: La legge sulla sicurezza sociale definisce la disabilità come l’incapacità di impegnarsi in qualsiasi attività lucrativa sostanziale (SGA) a causa di qualsiasi danno fisico o mentale determinabile dal punto di vista medico che è durato o ci si può aspettare che duri per un periodo continuo non inferiore a 12 mesi, o ci si può aspettare che porti alla morte.

ASA: Qual è il processo di valutazione in cinque fasi di SSA per determinare la disabilità?

RF: Social Security prima chiede se un richiedente è impegnato in SGA, che sta lavorando a un livello sostanziale. Se i guadagni di lavoro sono più di $1.130 al mese nel 2016, o $1.170 al mese nel 2017, la sicurezza sociale può considerare tali importi per essere sostanziale e la domanda di prestazioni può essere negato. Ci sono regole aggiuntive per i lavoratori autonomi.

Se un richiedente non è impegnato in SGA (Fase 1), la sicurezza sociale determina se esiste una menomazione determinabile dal punto di vista medico che limita significativamente le capacità fisiche o mentali dell’individuo di svolgere attività lavorative di base (Fase 2). Se un richiedente ha almeno una grave menomazione, allora la sicurezza sociale considera se i criteri di una qualsiasi delle sue menomazioni elencate sono stati soddisfatti. In tal caso, il richiedente può essere trovato disabilitato (Passaggio 3). In caso contrario, la sicurezza sociale deve stabilire la “capacità funzionale residua (RFC) del richiedente.”Una volta fatto ciò, la sicurezza sociale tiene conto della RFC nel trovare se il richiedente può eseguire il suo “lavoro rilevante passato” (Fase 4) o qualsiasi altro lavoro (Fase 5). Al punto 5 SSA considera l’età del richiedente, l’istruzione e le competenze trasferibili per accertare se il richiedente è disabilitato ai sensi della legge.

SAA: Quali sono gli elenchi delle menomazioni (Fase 3 del processo)?

RF: L’elenco delle menomazioni descrive, per ciascun sistema corporeo principale, menomazioni considerate abbastanza gravi da impedire a un individuo di svolgere qualsiasi attività lucrativa. Non comprendono tutte le possibili menomazioni. Listato 14.00 è intitolato, ” Disturbi del sistema immunitario-Adulto.”Contiene un certo numero di malattie al suo interno, ognuna elencata separatamente.

I commenti introduttivi nel listato 14.00 affermano: “Lo spettro dell’artrite infiammatoria include una vasta gamma di disturbi che differiscono per causa, decorso e esito. Clinicamente, l’infiammazione delle articolazioni periferiche principali può essere la manifestazione dominante che causa difficoltà con la deambulazione (camminare) o movimenti fini e grossolani; ci possono essere dolori articolari, gonfiore e tenerezza. L’artrite può colpire altre articolazioni, o causare meno limitazione in deambulazione o l’esecuzione di movimenti fini e grossolani. Tuttavia, in combinazione con extra-articolare le funzioni, anche di carattere costituzionale sintomi o segni di grave affaticamento, febbre, malessere, involontaria perdita di peso), artrite infiammatoria può comportare un’estrema limitazione…

artrite Infiammatoria che coinvolge assiale della colonna vertebrale (spondiloartropatia) possono essere associate a disturbi quali: (i) la sindrome di Reiter; (ii) spondilite anchilosante; (iii) l’artrite psoriasica; (iv) il morbo di Whipple malattia; (v) la malattia di Behçet; e (vi) Malattia infiammatoria intestinale. Artrite infiammatoria che coinvolge articolazioni periferiche possono essere associati a disturbi come: (io) artrite reumatoide; (ii) Sindrome di Sjögren; (iii) artrite psoriasica; (iv) disturbi deposizione di cristallo (gotta e pseudogotta); (v) Malattia di Lyme; e (vi) malattia infiammatoria intestinale.”

Il listato 14.00 afferma inoltre che: “Le caratteristiche extra-articolari dell’artrite infiammatoria possono coinvolgere qualsiasi sistema corporeo; ad esempio: Muscolo-scheletrico (tacco enthesopathy), oculistica (iridociclite, cheratocongiuntivite secca, uveite), polmonare (pleurite, fibrosi polmonare o noduli, malattia polmonare restrittiva), cardiovascolari (valvola aortica insufficienza, aritmie, coronaropatia, arterite, miocardite, pericardite, fenomeno di Raynaud, vasculite sistemica), renale (amiloidosi renale), ematologici (anemia cronica, trombocitopenia), neurologici (neuropatia periferica, radicolopatia, del midollo spinale o della cauda equina compressione con sensoriali e motori di perdita), mentale (disfunzione cognitiva, scarsa memoria), e immunitario (Sindrome di Felty (ipersplenismo con competenza immunitaria compromessa).”

All’interno del listato 14.00 è listato 14.09 – Artrite infiammatoria. Ci sono quattro sezioni contenute in questo elenco:

1. Infiammazione persistente o deformità persistente di:

1.1. Uno o più importanti giunti portanti periferici con conseguente incapacità di deambulare efficacemente

1.2. Una o più articolazioni periferiche principali in ogni estremità superiore con conseguente incapacità di eseguire movimenti fini e grossolani in modo efficace.

2. Infiammazione o deformità in una o più articolazioni periferiche principali con:

2. 1. Coinvolgimento di due o più organi/sistemi corporei con uno degli organi/sistemi corporei coinvolti ad almeno un livello moderato di gravità; e

2.2. Almeno due dei sintomi o segni costituzionali (grave affaticamento, febbre, malessere o perdita di peso involontaria.)

3. Spondilite anchilosante o altre spondiloartropatie, con:

3.1. Anchilosi (fissazione) della colonna vertebrale dorsolombare o cervicale, come dimostrato da un’adeguata imaging medicalmente accettabile e misurata all’esame fisico a 45° o più di flessione dalla posizione verticale (zero gradi); o

3.2. Anchilosi (fissazione) della colonna vertebrale dorsolombare o cervicale, come dimostrato da un’adeguata imaging medicalmente accettabile e misurata all’esame fisico a 30° o più di flessione (ma inferiore a 45°) misurata dalla posizione verticale (zero gradi) e coinvolgimento di due o più organi/sistemi corporei con uno degli organi/sistemi corporei coinvolti ad un livello di gravità almeno moderato.

4. Manifestazioni ripetute di artrite infiammatoria, con almeno due dei sintomi o segni costituzionali (grave affaticamento, febbre, malessere o perdita di peso involontaria) e uno dei seguenti a livello marcato:

4.1. Limitazione delle attività della vita quotidiana,

4.2. Limitazione nel mantenimento del funzionamento sociale,

4.3. Limitazione nel completare le attività in modo tempestivo a causa di carenze di concentrazione, persistenza o ritmo.

Come usato nell’elenco di cui sopra, l’incapacità di camminare in modo efficace significa “…un’estrema limitazione della capacità di camminare; cioè, una menomazione che interferisce molto seriamente con la capacità dell’individuo di avviare, sostenere o completare le attività in modo indipendente. La deambulazione inefficace è definita generalmente come insufficiente funzionamento degli arti inferiori (vedere 1.00J) per consentire la deambulazione indipendente senza l’uso di uno o più dispositivi di assistenza portatili che limitino il funzionamento di entrambi i dispositivi extremities…To camminare in modo efficace, gli individui devono essere in grado di sostenere un ritmo ragionevole a piedi su una distanza sufficiente per essere in grado di svolgere attività di vita quotidiana. Essi devono avere la possibilità di viaggiare senza accompagnamento da e per un luogo di lavoro o di scuola. Di conseguenza, gli esempi di inefficace deambulazione includono, ma non sono limitati a, l’incapacità di camminare senza l’uso di un deambulatore, due stampelle o due canne, l’incapacità di camminare per un isolato a un ritmo ragionevole su superfici ruvide o irregolari, l’impossibilità di utilizzare mezzi di trasporto pubblico, l’incapacità di svolgere attività ambulatoriale di routine, come lo shopping e il banking e l’impossibilità di salire a pochi passi a un ritmo ragionevole con l’uso di una sola mano ferroviario. La capacità di camminare autonomamente sulla propria casa senza l’uso di dispositivi di assistenza non costituisce, di per sé, un’efficace deambulazione.

Questo elenco considera anche le menomazioni funzionali delle braccia, delle mani e delle dita. I regolamenti di SSA affermano che ” l’incapacità di eseguire movimenti fini e grossolani significa efficacemente un’estrema perdita della funzione di entrambi gli arti superiori; cioè, una menomazione che interferisce molto seriamente con la capacità dell’individuo di avviare, sostenere o completare in modo indipendente le attività. Per utilizzare le loro estremità superiori in modo efficace gli individui devono essere in grado di sostenere tali funzioni come raggiungere, spingere, tirare, afferrare e diteggiatura per essere in grado di svolgere attività della vita quotidiana. Pertanto, esempi di incapacità di eseguire movimenti fini e grossolani includono in modo efficace, ma non sono limitati a, l’incapacità di preparare un pasto semplice e nutrirsi, l’incapacità di prendersi cura dell’igiene personale, l’incapacità di ordinare e gestire documenti o file e l’incapacità di posizionare i file in un file cabinet a o sopra il livello della vita.”

ASA: Cosa succede se un richiedente ha una forma di spondiloartrite, ma non è così grave come l’elenco?

RF: Un richiedente può ancora essere trovato disabilitato anche se la condizione non si qualifica sotto gli elenchi di menomazioni (Passaggio 3.) Come parte della Fase 4 della loro analisi, SSA valuta la capacità funzionale residua di un richiedente (RFC) – ciò che un richiedente può ancora fare nonostante le limitazioni causate dalle loro menomazioni. Se la RFC del richiedente non impedisce loro di svolgere i compiti del loro passato lavoro rilevante, la sicurezza sociale negherà la richiesta. Tuttavia, se la RFC di un richiedente impedisce la capacità di svolgere il proprio lavoro rilevante passato, la sicurezza sociale passerà al passaggio 5 e determinerà se il richiedente può eseguire o meno qualsiasi altro lavoro.

SAA: cosa considera SSA nel determinare se un richiedente può eseguire lavori rilevanti passati?

RF: Come accennato in precedenza, nella fase 4 del processo di valutazione sequenziale in 5 fasi, il richiedente deve dimostrare di non essere in grado di svolgere il suo lavoro rilevante passato. Generalmente, il lavoro rilevante passato è il lavoro che il richiedente ha svolto negli ultimi 15 anni a livello SGA (substantial gainful activity) per un periodo di tempo sufficiente affinché il richiedente abbia appreso le tecniche, acquisito informazioni e sviluppato la struttura necessaria per le prestazioni medie nella situazione lavorativa. SSA considera RFC del richiedente (capacità funzionale residua) e lo confronta con le esigenze fisiche e mentali di questo lavoro rilevante passato. Se RFC del richiedente gli impedisce di eseguire le esigenze fisiche e mentali di questo lavoro passato, la SSA dovrebbe scoprire che il richiedente non può svolgere il suo lavoro rilevante passato e l’inchiesta si sposta al punto 5: se il richiedente può eseguire qualsiasi altro lavoro nell’economia regionale o nazionale. Se il richiedente non può eseguire altri lavori disponibili in numero significativo nell’economia regionale e nazionale, la richiesta sarà approvata. Se il richiedente può eseguire altri lavori, il reclamo verrà negato.

SAA: Quanto è importante la prova oggettiva dei sintomi medici?

RF: I regolamenti della SSA richiedono che qualsiasi compromissione debba derivare da anomalie anatomiche, fisiologiche o psicologiche che possono essere dimostrate da risultati diagnostici clinici e di laboratorio clinicamente accettabili. Mentre la descrizione dei sintomi di un richiedente al medico del richiedente e la spiegazione dell’impatto di una condizione sulle attività quotidiane devono essere considerati dalla SSA, una menomazione fisica o mentale deve essere stabilita da prove mediche costituite da segni, sintomi e risultati di laboratorio.

ASA: Quanto è importante che un richiedente ottiene un trattamento medico per le condizioni?

RF: Dato quanto sopra, questo è fondamentale. L’attenzione in tutte le richieste di disabilità è sulla prova medica-che è i risultati clinici del medico, note di ufficio, rapporti, e risultati dei test medici. Che la prova è primaria ed è spesso più importante di quello che dice il ricorrente sui moduli SSA o in testimonianza in un’udienza. Mentre la descrizione di un richiedente dell’impatto di una condizione sulle loro attività quotidiane è importante e deve essere considerata dalla SSA, il contenuto della documentazione medica è la fonte primaria di prova nel decidere il reclamo. SSA generalmente dà più peso ai risultati e alle opinioni degli specialisti del trattamento, come medici ortopedici, reumatologi, neurologi e specialisti del dolore, che ai professionisti della famiglia.

SAA: cosa può aspettarsi un richiedente durante il processo di applicazione?

RF: Purtroppo reclami stanno prendendo più tempo per essere deciso, in gran parte perché un minor numero di reclami vengono approvati prima di un’udienza con un giudice di diritto amministrativo. Inoltre, meno richieste vengono approvate, quindi potrebbero essere necessari più ricorsi, a volte alla corte federale. È importante ottenere una guida adeguata attraverso un rappresentante esperto per aiutare a massimizzare le proprie possibilità di approvazione.

SAA: Quali risorse sono disponibili per aiutare a navigare nel processo di applicazione e migliorare le proprie possibilità di approvazione?

RF: Come detto sopra, il vostro rappresentante può essere di grande aiuto. La Spondilite Association of America è una risorsa enorme. La famiglia e gli amici certamente dovrebbero essere inclusi perché questo può essere un processo di prova. Inoltre, il sito web di Social Security ha un sacco di informazioni utili e leggibili. Si prega di consultare anche il mio sito web, Usadisabilitylaw e iscriviti alla mia newsletter.

Questo articolo è originariamente apparso nel numero invernale 2016 di Spondilite Plus, la rivista trimestrale di notizie della Spondilite Association of America. I membri ricevono ogni copia di Spondilite Plus per posta gratuitamente. Ottenere un abbonamento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.